Un tocco di classicità: la crostata con marmellata di albicocche



Buona!


250 g farina 00 + 1 cucchiaino di lievito
125 g burro
90 g zucchero
1 uovo

marmellata di albicocche

Preparare la pasta frolla e metterla a riposare in frigorifero - avvolta in pellicola - per almeno 30 minuti.

Stenderla, ricoprire lo stampo scelto e bucherellarla con una forchetta.

Ricoprire con la marmellata, decorare con le strisce ed infornare a 180° per 25-30 minuti.

E con questa spero di aver accontentato Carlo che mi tormentava...."voglio la crostata"!

Polpetten


Sabato bolliten e quindi carnen avanzaten per fare polpetten....



gallina bollita + un pezzo di carne sempre bollita
patata bollita
1 uovo
parmigiano grattugiato
prezzemolo
pangrattato
latte
olio evo
sale & pepe

Ho passato la carne e la patata al tritacarne, ho aggiunto l'uovo, una manciata di parmigiano, un po' di pangrattato, un ciuffetto di prezzemolo spezzettato, sale & pepe (la carne del bollito era insipida), ho regolato la consistenza con del latte....a questo punto ho formato delle palline, le ho messe sulla piastra del forno, ricoperta con carta forno, le ho irrorate d'olio evo e infornate a 180° rigirandole una volta dorate.

Riso al forno con zucchine e cozze




400 g riso
200 g cozze surgelate
2 zucchine
besciamella fatta con 250 ml di latte
olio evo
sale & pepe

Far bollire il riso in acqua salata per 10 minuti.

Tagliare le zucchine a spicchietti e farle saltare in olio evo per 10 minuti, salare e pepare.

Far scongelare le cozze.

Scolare il riso, unire le zucchine, le cozze, la besciamella ed amalgamare bene il tutto.

Versare in una pirofila imburrata e cosparsa di pangrattato, coprire con della carta stagnola e cuocere per 40-50 minuti a 180°, scoprendo la pirofila per gli ultimi 10 minuti.

Passare per qualche minuto sotto il grill.

Torta paesana "sarda"


In realtà è la ricetta di una torta di pane pubblicata su "La Cucina Italiana".

Io ho deciso di usare del pane carasau che girava per casa da un po' di tempo e così l'ho ribattezzata "sarda". Ho anche fatto altre modifiche soprattutto per quanta riguarda la quantità degli ingredienti.



300 g pane carasau
1 litro latte
175 g zucchero 150 g cioccolato fondente + 50 g cioccolato al latte
100 g burro
80 g farina di mandorle
5 uova
sale

pangrattato per la teglia

Mettere il pane a mollo nel latte finchè si ammorbidisce e passarlo con il frullatore ad immersione.

Montare i tuorli con lo zucchero fino ad avere un composto soffice e chiaro, unire il burro ammorbidito a pezzetti e frullare ancora per qualche secondo, aggiungere il pane, la farina di mandorle, il cioccolato fuso a bagnomaria e gli albumi montati a neve ferma con un pizzico di sale.

Io ho imburrato e cosparso di pangrattato due stampi rettangolari di circa 25x30 cm .... altrimenti sarebbe risultato un tortone altissimo.......ho infornato a 175-180° per 1 ora, poi ho sfornato e lasciato raffreddare negli stampi.

Tiramisu


Ecco perchè ho fatto i savoiardi...per fare il tiramisu per festeggiare il compleanno di Giovanni in ufficio...ovviamente su richiesta!!!

Ed anche qui mi sono affidata (quasi totalmente) alla ricetta di Giallo Zafferano...quasi totalmente perchè a dir la verità faccio il tiramisu da prima che nascesse GZ...:-(


400 g savoiardi
6 uova medie
500 g mascarpone
100 g zucchero
sale
caffè
cacao amaro in polvere

Preparare il caffè e lasciar intiepidire (a piacere zuccherarlo).

Montare - con uno sbattitore elettrico - gli albumi con lo zucchero fino ad avere un composto soffice e chiaro.

Aggiungere il mascarpone continuando a montare per pochi secondi.

Montare gli albumi a neve ferma con un pizzico di sale ed aggiungerli delicatamente al composto di tuorli.

Inzuppare i savoiardi nel caffè (senza bagnarli eccessivamente) e disporli in un contenitore, coprire con uno strato di crema, livellare e spolverizzare con del cacao amaro.

Ripetere l'operazione disponendo i savoiardi nel senso opposto e terminare sempre spolverizzando con del cacao amaro.

Mettere in frigorifero fino al momento di servire.

p.s. purtroppo non sono riuscita a fotografarlo tagliato...;-)

Savoiardi


Ho seguito passo passo (quasi :-)) la ricetta di Giallo Zafferano.

160 g farina 00
100 g zucchero
6 tuorli
4 albumi
1 bustina vanillina
sale

zucchero semolato + zucchero a velo per spolverizzare

Montare i tuorli con lo zucchero e la vanillina - usando uno sbattitore elettrico - fino ad avere un composto chiaro e soffice.

Montare a neve ferma gli albumi con un pizzico di sale.

Unire i due composti ed aggiungere gradatamente la farina setacciata, mettere in una sac à poche con bocchetta liscia 1 cm e - su una piastra ricoperta di carta forno - formare delle strisce di circa 10 cm.

Spolverizzare con il mix di zuccheri ed infornare a 180° per 15 minuti.

Sfornare e mettere a raffreddare su una gratella.

Quiche con verdure


Nel frigorifero la pasta sfoglia, un vasetto di ricotta, della cicoria lessata, due porri, un cartoccio di panna iniziato...

1. ho preso la pasta sfoglia, l'ho messa in una teglia per crostate rivestita con carta forno e l'ho infornata per circa 10 minuti a 200°

2. ho fatto saltare in padella la cicoria sminuzzata con i porri tagliati a rondelle e ho fatto raffreddare

3. ho mescolato la ricotta con un uovo e 150 ml circa di panna, ho aggiunto del parmigiano grattugiato, sale pepe e, infine, le verdure

4. ho versato il tutto sulla sfoglia ed infornato a 200° per altri 30 minuti

5. ho passato sotto il grill per pochi minuti....et voilà




Cannoli di ricotta


Ricetta di Guidacucina del 1983 (libretti che conservo gelosamente e dai quali prendo spunto spesso!!!) a cui ho apportato delle piccole modifiche.


50 g semolino
250 ml latte + 3 cucchiai
15 g lievito di birra fresco
200 g farina 00
250 g ricotta
220 g zucchero
4-5 cucchiai di uvetta
3 uova
130 g burro
sale

Bollire il latte, versare a pioggia il semolino, salare e cuocere mescolando finchè si addensa (circa 10 minuti).
Togliere dal fuoco, incorporare 40 g di burro e lasciar raffreddare.
Nel frattempo lavorare la ricotta con 180 g di zucchero, un uovo sbattuto, l'uvetta precedentemente ammorbidita in acqua calda e per ultimo unire il semolino freddo.
Sciogliere 20 g di burro con 20 g di zucchero e 3 cucchiai di latte.
Togliere da fuoco, lasciar ammorbidire e aggiungere mescolando il lievito sminuzzato.
In una ciotola setacciare la farina, aggiungere 2 uova frullate - meno qualche cucchiaio - 20 g di zucchero e 70 g di burro spezzettato.
Lavorare rapidamente ed aggiungere la pastella di lievito; impastare per 5 minuti (io ho dovuto aggiungere altra farina perchè l'impasto era troppo appiccicoso).
Lasciar lievitare per 20 minuti.
A questo punto dividere la pasta in 2 parti uguali e stenderle in 2 rettangoli su cui distribuire il composto di ricotta.
Arrotolare come cannoli ed adagiare in una teglia ricoperta con carta forno .
Spennellare con l'uovo tenuto da parte e lasciar lievitare per 30 minuti.
Infornare a 180° per 40 minuti circa.
Sfornare e far raffreddare su una gratella.

Biscotti di frolla di Ernst Knam


Non ho utilizzato tutta la frolla per la preparazione delle tartellette, ma ho pensato di fare un po' di biscotti che ho poi decorato con smarties, zucchero colorato (che finalmente ho trovato!!!), cuoricini...



Tartellette alla frutta


Pasta frolla di Ernst Knam
300 g farina 00 + 1 cucchiaino lievito
150 g burro
150 g zucchero
1 uovo
1 bustina vanillina
1 pizzico sale

Crema pasticcera
200 ml latte
50 ml panna
2 tuorli
35 g farina 00
70 g zucchero

confettura di albicocche

2 kiwi - 1 banana - 1 mandarancio (purtroppo non avevo fragole e frutti di bosco)



Montare il burro con lo zucchero fino ad avere un composto morbido, aggiungere il sale e la vanillina e, infine, l'uovo (e fin qui ho usato le fruste elettriche).
A questo punto ho messo i ganci per impastare, ho aggiunto la farina setacciata con il lievito ed ho azionato fino ad amalgamare il tutto.
Ho terminato l'impasto a mano.
Fatta la palla, l'ho avvolta in pellicola e messa in frigorifero per 4 ore.

Nel frattempo ho preparato la crema pasticcera (che va fatta raffreddare): ho mescolato la farina con lo zucchero e i tuorli, ho aggiunto il latte mischiato alla panna ed ho messo sul fuoco fino ad addensamento.

Riprendere la pasta, stenderla e riempire le formine che andranno cotte in bianco a 180° per circa 10-12- minuti (dipende dalla misura delle tartellette: le mie sono mignon).

Sfornarle, lasciarle raffreddare, "sfoderarle", pennellarle con confettura di albicocche, mettere uno strato di crema pasticcera, decorare con la frutta a piacere e spennellare con della confettura di albicocche scaldata in un pentolino.



Quadratini alle noci


Ho comprato un nuovo stampo della wilton...in teoria per brownies...in pratica ho voluto provare questi dolcetti che ho sempre fatto senza stampo...meglio che continui a farli senza stampo, credo abbiano bisogno di asciugare in forno senza "vincoli", per cui meglio non racchiuderli in formine perchè è difficile sformarli senza romperli....anche se il sapore non cambia.



2 albumi
175 g noci tritate
200 g zucchero vanigliato

gherigli di noce per decorare

Sbattere gli albumi fino ad avere un composto piuttosto sodo, aggiungere lo zucchero e le noci tritate.
A questo punto sarebbe meglio mettere il composto in una sac à poche e formare dei bastoncini tipo savoiardi su una piastra ricoperta con carta forno.
Io ho messo il composto nelle cellette dello stampo, ho decorato ogni quadratino con un gheriglio di noce ed infornato il tutto a 180° per 15 minuti (cosa che vale anche nell'altro caso).